Come Egeo costretto in ariballo

e liburne in irridente àlea, tabe

di viéte contese, trame vissute,

simulacri di indarno agone,

così artieri crocidano in coro,

trissottini dileggiano Erato.

Della skena re-citanti vanesi,

anelano immeritati clamori.

giovedì 13 agosto 2015

Muri

                                         Pietra su pietra secca,
                                         posta su spigoli sghèmbi,
                                         paziente orla il sentiero
                                         e cinge lo stazzo al declivio.
                                         Lucertole guizzano al sole
                                         e fisse aspettano.
                                         Ciuffi dorati piegano al vento,
                                         malati d'arsura.
                                         Terra avara nuda si stende,
                                         torva ai suoi figli.
                                         Io siedo, al folto carrubo
                                         arresto il cammino. Offro
                                         il mio viso alle mosche 
                                         ché prima o poi farà sera.

Insonnia

                              Sonno squieto stanotte
                                non smorza la testa,
                                ad ogni cane che latra alla luna
                                rigiro cercando pieghe nuove.
                                Sbianca le cose la luce di fuori,
                                i grilli segnano il tempo che passa,
                                il cristo di legno mi fissa, da lì,
                                un geco immobile aspetta.
                                Da basso la pendola batte le ore.

                                Lenta respira la notte; alito di
                                gelsomino scosta un velo di tenda
                                che docile cede a quel soffio
                                e s'allarga. Fa uno scruscio di legno
                                il vecchio comò.
                                Anche un gallo ora canta alla luna,
                                anche lui senza il senso del tempo.

                               Quanti figli lontani in cerca di roba,
                               quanta forza mi resta per questa mia terra,
                               quanto ancora rimane.
                               Un branco si sposta appresso al suo fiuto,
                               formicole salgono in fila a parete,
                               nella stalla qualcosa si muove
                               che già cangia un poco la luce.

                               Mentre il gregge dal fondo
                               s'avvia ai suoi passi, m'addormo.

mercoledì 12 agosto 2015

E' sera

Respira lieve ai miei piedi
il grande mare, gigante stanco
di recenti tempeste.
Quieto ora riposa, molle
sulla riva; io ascolto l'infinito
andare e sto con lui.


Preludio al tramonto
è questa luce di pesca.
Si perde lento il mio sguardo
ormai libero verso l'orizzonte.

Ecce homo

                                                     Io cristo, figlio dell'uomo,
                                        condannato alla vita da una folla urlante,
                                        invoco un padre, imploro il cielo,
                                        che senza risposta già si rabbuia.
                                        E nubi si addensano a fare scena,
                                        quinte sfarzose che ornano un palco gremito.  
                                        Solo comparse attònite verranno,  
                                        già  si radunano,  applaudono
                                        stupìte al mio sacrificio
                                        per poi piangere in coro. Atmosfera.
                                        E sentirò una voce qui nella testa,
                                        e mi rassegnerò.
                                        Con altari eretti di fresco
                                        ci consoleremo, e saremo
                                        accattoni di piète bugie,
                                        e ad ogni incrocio
                                        mendicheremo parole
                                        per assolverci meglio.
                                        Alla fine faremo un pacchetto
                                        dei nostri migliori ricordi
                                        e incroceremo le dita,
                                        ultimo gesto di fede.

Senilità

                                             La muffa del tempo
                                             ha ormai invaso i ricordi.
                                             Neri licheni avviluppano gli anni
                                             e vago rimane un rancore, sopito.
                                             Lento scivola un gozzo,
                                             spinto a fatica
                                             nella palude del giorno.

martedì 11 agosto 2015

In memoria d'un Generale

                                   Eccoti reso vessillo da una congiura.
                                     Solo, in cima all'alto pennone, gemi,
                                     scosso da un vento di caldo scirocco.


                                     Sagunto non è, né è mai stata. Vive,
                                     senza occhi né cuore e senza onore.
                                     La sua testa china al primo offerente.


                                     Sacerdoti e chierici sfilano muti. Selve
                                     di orbite vuote dietro occhiali alla moda
                                     cantano messe profane a propria gloria.


                                     Parole vagano ora nell'aria. Variopinte
                                     comete che ornano il cielo, destinate
                                     infine a svanire. E non ci sarà eco.




                                          dedicata al Gen. Carlo Alberto dalla Chiesa


Impasti


Osservo estasiato il bianco alchimista
che scruta la bocca del fuoco. Presto
dall'antro schiuso vedranno la luce
i fiori di macina al cuor di sambuco,
coltre di sesamo sulla crosta dorata.
Respira il pane. L'alito caldo diffonde.
E sa di cibo dei padri, bisogno unito
in preghiera alla salvezza dell'anima.
Memoria indistinta si sveglia, affiora
dal fondo del fondo dei giorni, e giù
nelle viscere, spalma materne carezze. 

Notte

                                E' quando aspetto notte
                                  che tarli rodono il silenzio
                                  e scavano torti cunicoli
                                  nel buio della mente inerme,
                                  rivoltando i pensieri,
                                  arando solchi sterili,
                                  seminando sale.
                                  Lo schermo poi s'oscura
                                  in attesa del sogno.
                                  Che la mia piccola nave
                                  salpi lesta e fugga al largo
                                  in cerca di nuove isole,
                                  dove luce dispieghi colori
                                  e il vento liberi il mio volto
                                  dalla crosta del tempo.


Reportage


Parti col ruscello che sgorga,
ora allarga sul cielo, nubi,  pioggia.
Adesso il mare, stringi sull'onda.
I tubi del pozzo, dune, palme,
inquadra giacimento e trivella.
Stacca su fila per l'acqua, le donne.
Muovi sul bimbo, l'altro, ci guarda;
fa' vedere il viso; bene, piange.
Vira verso le truppe, la bandiera, vai lì.
Non troppo vicino, che' sono squartati.
Torna al villaggio, terra secca, capanne,
ancora bambini, donne. Un vecchio.
Ecco, la ciotola, la mano alla bocca.
Gira le tende, ospedale da campo,
si, quello che urla. Ora il dottore.
Segui i profughi  in fila, che vanno.
Occhi, chiudiamo sugli occhi.
Tramonto. Dissolvenza.
Pubblicità. 

lunedì 10 agosto 2015

Primavere

Odoro panni stesi, profumati di sole,
fantasmi colorati che danzano folli
al vento d'aprile. Sento una voce,
udita da sempre, che grida il mio nome.


Tendo l'orecchio e lo sguardo ribelle,
poi m'arrendo, felice, al richiamo.
Ho un giocattolo di latta ed una casa,
sui miei ginocchi i segni della strada.


Acqua preziosa per lavarsi a pezzi,
mia madre sfrega forte la mia pelle,
sbuffa e ride ai miei lamenti, e parla.
E' dolce. E domani è domenica.

Morti bianche

C'è un piatto coperto
ormai freddo, in cucina.
Lei fissa con l'anima vuota
il suo bimbo che gioca.


Muti, al cantiere,
si piange un compagno.


Luigi si torce le mani,
non riesce a guardarla.
Ha gli occhi bagnati
e la bocca riarsa.


Dicono “basta coi morti
al lavoro!”. Nessuno gli crede.


Sul bordo del letto, seduta,
si piega all'immenso dolore.
Poi leggera, dal nulla,
riaffiora alla mente una nenia.